Progetto Stare bene insieme 2009-2010

Come negli anni scorsi, l’Istituzione scolastica Evançon 2, ha organizzato il progetto “Stare bene insieme”, che prevede la collaborazione degli enti locali (Comunità Montana; Comuni di Arnad,Champdepraz, Issogne, Montjovet e Verrès; Biblioteche di Champdepraz, Issogne, Montjovet e Verrès). Tale progetto è rivolto a tutte le scuole dell’infanzia e primaria dell’istituzione e si propone di promuovere l’educazione interculturale nella scuola e nel territorio, di migliorare la comunicazione sia a scuola che con le famiglie degli alunni stranieri, di favorire la continuità scuola-territorio.

Si tratta di un percorso che prevede da un lato l’integrazione degli alunni stranieri e dall’altro la promozione della conoscenza delle diverse culture, senza tralasciare la riscoperta delle usanze e delle tradizioni locali, mettendole a confronto per individuarne analogie e differenze, nell’ottica di sviluppare coscienza e rispetto reciproco.

Durante l’arco dell’anno scolastico si portano avanti progetti di mediazione linguistica per gli alunni stranieri e le loro famiglie e progetti di educazione interculturale rivolti a tutti gli alunni.

Nel periodo dal 14 al 29 maggio 2010, è stata organizzata la 3^ edizione delle “Giornate dell’intercultura-Girotondo dell’Amicizia”, dedicate al “Gioco nel mondo”.

L’iniziativa si è articolata in diversi momenti:

laboratori per bambiniDal 18 al 28 maggio, presso il Salone della Biblioteca di Verrès gli alunni della scuola dell’infanzia e primaria dell’istituzione hanno partecipato ai laboratori didattici gestiti da insegnanti e mediatori culturali, per promuovere la conoscenza delle culture in relazione alla tradizione locale. Prima di essere divisi in gruppi eterogenei per sperimentare le proposte di laboratorio è stato organizzato un momento di accoglienza per consentire ad ogni bambino di familiarizzare con tutti i partecipanti. Al termine dei laboratori tutti i gruppi si sono riuniti per il gioco finale del “parachute” che prevede attività cooperative divertenti e il saluto finale.

Gli alunni hanno sperimentato i seguenti giochi:

  • Ranzie, Africa: Ampe, gioco del salto nel buco con la lepre.
  • Mirela, Romania: gioco con le mollette, gioco delle iniziali.
  • Maria, Costa Rica: Attaccare la coda all’asino, corsa con le uova.
  • Martha, Santo Domingo: la settimana, battimani, bellugas.
  • Elisabetta, India: costruire un aquilone,filastrocca del patanga, gioco con ruota della bicicletta.
  • Chen, Cina: origami, piuma volante,volo dell’aquilone.
  • Hayat, Marocco: Settimana, elastico,cromos.
  • Sanaa, Algeria: il tiro dei tappi, memory.
  • Carla, Cristina Joly, Cristina Faccini, Donatella, Lorena, Lucia, Neva, Rita, Roberta: Valle d’Aosta/Italia: settimana, tris sulla terra, puzzle della Valle d’Aosta, battimani, costruzioni di legno.

Il 14 maggio alle 20.30 si è svolta la conferenza “IL GIOCO NEL MONDO” coordinata da Ranzie Mensah presso il Salone Bonomi di Verrès per far scoprire le diverse culture attraverso il tema del gioco, rivolta alle famiglie e al territorio. Sono intervenute e mediatrici culturali Elisabetta Conti per l’India, Haiat Najoui per il Marocco, Mirela Mihaiu per la Romania. Inoltre l’esperto locale Pierino Daudry ha presentato le sue ricerche sui giochi d’un tempo in Valle d’Aosta.

Il 18 maggio alle 20.30 si è tenuta la conferenza “L’EDUCAZIONE INTERCULTURALE NELLA SCUOLA” presso l’auditorium di Issogne rivolta al territorio. Sono intervenute Rachida Adlani e Ranzie Mensah, mediatrici culturali e coordinatrici delle cooperative “Amici” e “Ali e radici”, Lorena Borettaz e Lucia Vassoney, insegnanti dell’istituzione e responsabili del progetto e il Dirigente scolastico Antonella Dallou.

Il 29 maggio presso l’Espace Loisirs “Marino Massa” di Verrès si è svolta la festa conclusiva per bambini e genitori. Hanno presentato la serata gli alunni della scuola primaria di Verrès (classe 3^ B e 4^) e l’animatrice Ranzie Mensah. Sono intervenuti:

  • I Tamtando con il musicista brasiliano Gilson Silveira ed i ragazzi dell’Istituto musicale.
  • Le minibande di Verrès e di Montjovet si sono esibite in musiche anche della tradizione locale.
  • Maria Pia Simonetti ha raccontato le culture attraverso “Le fiabe animate”.
  • Seynabu ha cantato un canto tradizionale senegalese.
  • Il gruppo “Le travai d’in co” di Arnad si è esibito durante l’arco della serata in attività artigianali.
  • Un gruppo di ragazzi della palestra “Baobab”/Ivrea ha presentato la “Capoeira”.

cibi dal mondoGrazie alla collaborazione dei genitori si è potuto degustare una varietà di piatti tipici locali ma anche cibi provenienti dalle regioni italiane e da altre parti del mondo.

La Commissione Intercultura ha espresso soddisfazione per la riuscita dell’iniziativa che ha coinvolto un numero elevato di genitori e numerose persone di diverse età legate al territorio e ha sicuramente favorito la socializzazione tra soggetti di culture e nazionalità diverse.